Home » Barzellette per adulti » Barzellette su Pierino

Barzellette su Pierino

6-8

  

 

La maestra becca Pierino mentre sta scrivendo sul muro del bagno LA FIGA con un carboncino nero:

 

- Complimenti, Pierino, - dice la maestra - ora lo pulisci con la lingua! Pierino torna a casa, e scoppiando in lacrime racconta al padre:

 

- Papà, oggi la maestra mi ha fatto leccare la figa.

 

Il giorno seguente il padre di Pierino va dalla maestra e le dice:

 

- Signora maestra, mi creda, in tutta la mia vita una figa sporca come la sua non l'avevo mai vista!

 

 

 

Pierino a una sua amichetta:

- Posso infilarti il dito nell'ombelico?

La bambina:

- Ok.

Ma dopo un po':

- Pierino... questo non è il mio ombelico!

- Sottigliezze! Se è per questo, non è neanche il mio dito!

  

  

La maestra a Pierino:

- Pierino, come ti comporteresti nella vita se fossi ricco?

- Fighe e champagne.

- E se fossi povero?

- Seghe e Tavernello.

1-5

  

Pierino deve portare con lo zio muratore una carriola piena di mattoni in un convento di suore. Durante il tragitto la carriola prende un sasso e un mattone cade sul piede dello zio, che esclama:

- Cazzo!

E Pierino:

- Ehi, zio, che vuol dire "cazzo"?

Lo zio, imbarazzato, risponde:

- Ehm... dunque... cazzo vuol dire... carriola... sì. Pierino, cazzo vuol dire carriola.

Pierino è tutto contento per aver imparato un nuovo termine, così i due proseguono il tragitto. Altro sasso, altro mattone sul piede dello zio:

- Puttana Eva! - esclama.

- Zio, che vuol dire "puttana?"

- Ehm, Pierino, che domande fai... ovvio... vuol dire suora!

Così i due proseguono il viaggio e Pierino si sente sempre più istruito, ma ad un certo punto, altro sasso e altro mattone sul piede dello zio:

- Figa!

- Zio, e figa che vuol dire?

- Ma dai, non sai proprio niente, eh Pierino? Dirò ai tuoi genitori di farti studiare di più. Ehm... figa vuol dire... cancello!

I due finalmente arrivano al convento delle suore. Pierino, vedendo da lontano una suora davanti all'ingresso, le urla:

- Puttana, apri la figa, ché lo zio entro con il cazzo.

  

  

La maestra becca Pierino mentre sta scrivendo sul muro del bagno LA FIGA con un carboncino nero:

- Complimenti, Pierino. - dice la maestra - Ora lo pulisci con la lingua! Pierino torna a casa, e scoppiando in lacrime racconta al padre:

- Papà, oggi la maestra mi ha fatto leccare la figa.

Il giorno seguente il padre di Pierino va dalla maestra e le dice:

- Signora maestra, mi creda, in tutta la mia vita una figa sporca come la sua non l'avevo mai vista!

  

  

Pierino vede la sua mamma che fa la doccia e le domanda:

- Cosa sono quelle due cose che hai sul petto?

La mamma, imbarazzata, non sapendo cosa rispondere, gli dice di rivolgere la domanda al padre.

Non appena il padre torna a casa, Pierino gli fa la domanda. Il padre, anche lui imbarazzato, gli risponde:

- Sono palloncini che, quando la mamma morirà, gonfieremo per farla volare in Paradiso.

Qualche giorno dopo, il padre, nel rientrare a casa, trova Pierino che piange:

- Papà... la mamma sta morendo!

- Calmati, Pierino, perché pensi che la mamma sta morendo?

- Lo zio sta soffiando sui palloncini della mamma e lei sta urlando: “Mio Dio... sto venendo!”

 

 

Il maestro assegna il seguente tema: "La cosa che vi piace di più".
Dopo un minuto, Pierino consegna il foglio, dove ha scritto: "La figa!"
Il maestro lo caccia dalla classe e gli dice di tornare a scuola solo se accompagnato dal padre.
Il giorno dopo Pierino si presenta da solo...
- Pierino, ti avevo detto di venire con tuo padre! Dov'è?
- Papà ha detto che non parla coi ricchioni! 

 

 

Pierino alla maestra:
- Io l'amo!
- Ma Pierino, a me non piacciono i bambini!
- Non si preoccupi: io uso il preservativo!
<!--[if !supportLineBreakNewLine]-->
<!--[endif]-->