Home » Barzellette per bambini » Barzellette sui tribunali

Barzellette sui tribunali

1-4

 

Il giudice alla signora:

- Mi dica: perché vuole divorziare da suo marito?

- Perché mi tratta come un cane!

- La maltratta, la percuote?

- No, pretende che io sia fedele...

 

 

- Scusi, avvocato, a quanto ammonta la sua parcella per una consultazione?

- 100 euro ogni tre domande.

- Non le sembra una tariffa molto cara?

- Sì. Ora mi faccia pure l’ultima domanda.

 

 

All'imputato:
- Lei è stato riconosciuto colpevole. La pena la scelga lei: o quindici giorni di carcere o duecento euro.
L'imputato ci pensa un po' su e poi, con aria sofferente:
- Per questa volta mi prendo i duecento euro.

 

 

In tribunale.

- Ancora lei! L’ultima volta che era stato qui le avevo detto che non volevo più vederla!

- Lo so, signor giudice, io l’ho detto ai due agenti che mi hanno arrestato, ma loro non mi hanno voluto credere.