Home » Barzellette per adulti » Barzellette sui vecchietti

Barzellette sui vecchietti

11-12

 

Un giovanotto vede una vecchietta con una bella gallina sotto il braccio e le fa:

- Bella! Me la darebbe per dieci euro?

La vecchietta, incredula ma felice, gli risponde:

- Certo! Aspetta un attimo che poso la gallina.

 

 

Tra vecchi.

- Certo che l’amore è proprio una fregatura: impieghi tutta la vita per imparare a capire le donne e poi, quando finalmente cominci a capirle, non ti si alza più l’uccello!

6-10

 

Un vecchietto va dal medico:

- Dottore, ho fatto le analisi del sangue e mi hanno trovato il colesterolo, i trigliceridi e la glicemia alti.

- Non si preoccupi, se farà la dieta che le prescrivo io, non le si alzerà più nulla!

- Ma proprio nulla nulla?

- Nulla nulla.

- Allora non la faccio!

 

 

Siamo in un ospizio. Due vecchietti decidono di fare uno scherzo ad un loro amico, anch'egli ricoverato. Dice uno:

- Gli mettiamo una pastiglia di Viagra nel brodo e poi vediamo cosa succede.

Detto, fatto.

All'ora di cena si presenta a tavola il terzo pensionato, vittima dello scherzo, che incomincia a bere il brodo. Dopo qualche minuto si alza e dice:

- Scusate, ma devo proprio andare a fare pipì.

Si allontana in direzione della toilette e dopo qualche minuto torna con i pantaloni inzuppati di urina. I due pensionati rimasti a tavola, guardandolo esterrefatti, gli domandano:

- Che è successo?

Il terzo pensionato, con aria candida, risponde:

- Non lo so: sono entrato in bagno, ho aperto la cerniera lampo, l'ho tirato fuori per far pipì, l'ho guardato attentamente... ho visto che non era il mio e l'ho rimesso a posto.

 

 

Dopo 60 anni di matrimonio, una coppia di sposi se ne sta una sera nel giardino di casa, dondolandosi sul dondolo e ammirando il tramonto. A un certo punto la moglie si alza e dà un manrovescio al marito che lo lascia stordito a terra a guardare le stelline e gli uccellini che gli girano intorno alla testa. Quando si riprende, il vecchietto torna a sedersi di fianco alla moglie e le fa: 

- E questo perché l'hai fatto?

- Per il tuo pisello troppo piccolo!

Dopo qualche altro minuto è il marito che dà una sberla alla moglie e la stende a terra sull'erba.

La vecchietta dopo un po' si riprende e ritorna a sedersi di fianco al marito:

- E questo perché l'hai fatto? - domanda lei.

- Perché se sai che è piccolo, vuol dire che ne hai visto anche altri!

 

 

Una vecchia è seduta davanti al caminetto, quando ecco apparire una fata che le concede tre desideri.

- Vorrei che questa casa tornasse bella com'era una volta.

Colpo di bacchetta ed ecco fatto.

- Ora vorrei riacquistare la bellezza che avevo in gioventù.

Zacchete e fatto anche questo.

- E come ultimo desidero vorrei che il mio gatto si trasformasse in un bellissimo Principe Azzurro.

Detto e fatto. Il Principe Azzurro si avvicina alla non più vecchia, e cingendole la vita le sussurra:

- Ti penti, adesso, di avermi fatto castrare, eh? 

 

 

 Un gruppo di puttane si reca dal medico per una visita di controllo e, non entrando tutte in sala d'attesa, qualcuna di loro fa la fila per strada.

Passa una vecchietta che, incuriosita, domanda:

- Come mai siete in fila?

- Perché regalano il torrone! - risponde una mignotta in vena di scherzi.

La vecchietta allora si mette in fila anche lei e, giunto il suo turno, entra dal medico che, meravigliato, esclama:

- Ma come? Alla sua età?!

- Ha ragione a meravigliarsi, dottore, ma tanto io mi limito a succhiarlo! 

1-5


Due vecchietti stanno ricordando la gioventù, le loro imprese erotiche e gli afrodisiaci che usavano per essere sempre in forma:  

- Ah, ti ricordi? Un pezzetto di parmigiano e, voilà, il cazzo duro!  

E l'altro:  

- Eh, al giorno d'oggi non lo fanno più il parmigiano come una volta... 



Tre anziani amici si incontrano dopo molto tempo, e parlano dei loro acciacchi e malanni. 

Il primo vecchietto:
- Io sto bene in tutto, tranne che nella vista. Devo stare attento quando vado in giro per casa, perché sbatto dappertutto, e fuori casa devo camminare pianissimo.
Il secondo vecchietto:
- Anch'io sto bene in tutto, tranne che nell'udito. Nei discorsi vado fuori tema, capisco fischi per fiaschi... faccio certe figuracce!
Il terzo vecchietto, tutto arzillo:
- Io sto bene in tutto, tranne che... l'altro giorno stavo scendendo le scale, ho visto mia moglie piegata con la gonna alzata che dava la cera e subito le sono saltato addosso. Lei mi ha detto: "Ma che fai?" Ed io "E che, non lo vedi?" E lei: "Ma se lo abbiamo fatto dieci minuti fa!". Ecco, a me è la MEMORIA che mi frega! 



Roberto, un vecchietto, dice all'amico Antonio, anche lui vecchietto:

- Tu cosa mangi il giorno?
- A colazione un'arancia, a pranzo insalata e un po' di pollo, la sera pastina.
- Ehi, ma così ti indebolisci! Dovresti mangiare anche il pane... riusciresti anche ad avere un'erezione!
- Davvero?
Allora Antonio va subito dal fornaio:
- Voglio cinque chili di pane!
Il fornaio gli dice:
- Perché tutto questo pane in una volta? Guardi che poi le diventa duro!
- Lo sapevate tutti tranne che io!


Un vecchietto entra in mare. 

Ad ogni passo che fa, man mano che il livello dell'acqua si fa più alto, dà una sbirciata nel costume.
Ad un certo punto, quando l'acqua raggiunge l'ombelico, dà l'ultima sbirciata nel costume e fa:
- Nemmeno quando stai per annegare alzi la testa!



Un bambino si fa male al dito, e non riesce più a raddrizzarlo. Allora va dal nonno e gli chiede un rimedio.
Ma il nonno, quasi infastidito:
- Perché lo chiedi proprio a me? Va' dal farmacista!
Quindi il bambino va dal farmacista, il quale gli dà una pomata.
Dopo qualche applicazione, il bambino, entusiasta, va dal nonno per comunicargli gli ottimi risultati raggiunti.
Al che il nonno gli propone un affare:
- Se mi dici dove hai comprato quella pomata e il suo nome, domani mattina ti faccio trovare cinque euro sul tavolo.
Allora il bambino gli dice il nome della pomata e la farmacia in cui l'ha acquistata.
L'indomani mattina il bambino si avvicina al tavolo per vedere se il nonno ha mantenuto la parola data e, con sua grande sorpresa, anziché cinque euro ve ne trova venti.
Perciò va dal nonno e gli domanda il perché di quell'aumento; e il nonno gli risponde:
- Le altre quindici euro te le ha aggiunte la nonna...