Home » I miei pensieri » Pensiero 18

Pensiero 18

Sulle tragedie originate dalle separazioni coniugali

 

 

Sono stato indotto a scrivere questo pensiero dopo l'ennesimo caso di tragedia familiare, in cui l'uomo uccide la moglie (o la fidanzata) e gli eventuali loro figli, oltreché se stesso, perché non accetta il fatto che lei abbia deciso di separarsi da lui. Meno di frequente è la donna che compie la tragedia.

A questo terribile problema io rispondo dicendo che la separazione coniugale, quando non è consensuale, fa soffrire, lo so. Ma per quanto grande possa essere questa sofferenza, nessuno, dico nessuno, ha il diritto di farsi giustizia da sé togliendo vite che Dio ha donato. Piuttosto occorre pregare Dio affinché il proprio rapporto coniugale proceda nel migliore dei modi, e Lui lo farà procedere, senza ombra di dubbio, nel migliore dei modi, o comunque farà in modo che la separazione avvenga nella maniera meno dolorosa possibile!

 

6 marzo 2012 (modificato il 1° ottobre 2015)

commenti (1)